EVENT - Beta

  • Contribute
  • Print
  • 1° Convegno nazionale sulla resilienza - "Comunità resilienti: il futuro della protezione civile" Centro Studi Sistema Protezione Civile – Istituto Italiano di Resilienza


    Date: 30 Jul 2012
    Country: Italy
    City/State: Spoleto
    http://www.preventionweb.net/go/27214

    Email sent!

    An email has been sent to the email addresses provided, with a link to this content.

    Thank you for sharing!

    OK

1° Convegno nazionale sulla resilienza - "Comunità resilienti: il futuro della protezione civile"

MAIN ORGANIZER(S): Centro Studi Sistema Protezione Civile – Istituto Italiano di Resilienza

Type: Meeting or Conference Date: 30 Jul 2012 Location: Italy (Spoleto) Venue: Palazzo Mauri

In Italian:

Il 26 febbraio 2011 in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’Istituto, fu annunciata la realizzazione di un primo grande convegno sul tema della resilienza, evento da realizzare entro il 2012.

Il prossimo 30 giugno si terrà a Spoleto (Pg-Italy) il 1° Convegno nazionale sulla Resilienza, dal titolo: “Comunità resilienti: il futuro della Protezione Civile”. In occasione del 20° di fondazione del Servizio Nazionale di Protezione Civile, visto il particolare momento storico vissuto nel settore, ci è sembrato quanto mai opportuno e calzante fermarci ad approfondire le tematiche di Resilienza: faro, confine ed orizzonte verso cui tenderà la Protezione Civile nei prossimi anni. Con un obiettivo così elevato non poteva essere da meno la platea degli interventi che, come potrà leggere nel programma, è formata da relatori di fama internazionale ed elevate professionalità riconosciute a livello nazionale.

Il convegno partendo da una visione internazionale ed una descrizione dello stato dell’arte in Italia, si pone come obiettivo quello di analizzare i lati sociali -tecnici della Protezione Civile e della Resilienza, per giungere a diffondere il messaggio che senza la giusta sinergia nel motivare e sensibilizzare la popolazione e, contemporaneamente, preparare gli Enti preposti, non vi sarà la tranquillità per poter affrontare il prossimo disastro italiano in modo efficace. In particolare l’evento si pone i seguenti obiettivi specifici:

• Aprire una finestra su ciò che accade all’esterno del nostro Paese nel campo della Resilienza;
• Fornire elementi per comprendere la situazione italiana rispetto alla tematica del convegno;
• Presentare un modello teorico-applicativo per affrontare le problematiche di protezione civile in un’ottica di resilienza;
• Approfondire alcuni aspetti chiave di tale modello (attraverso le tavole rotonde);
• Analizzare e confrontare alcuni eventi importanti attraverso gli “strumenti di lettura” presentati nel corso dell’evento.

Il convegno prevede i seguenti momenti:
• Momento iniziale. Per avvicinarci al mondo della protezione civile, al suo contesto internazionale e comprendere il percorso della resilienza all’interno di quello della protezione civile.
• Approfondimento tematico. Pensato per fornire elementi storico-tecnici utili alla partecipazione critica delle tavole rotonde, allo sviluppo della tematica del convegno, all’analisi della situazione attuale in una prospettiva di individuazione di soluzioni future.
• Tavole rotonde tematiche. Volte a sviluppare singoli aspetti, ritenuti centrali, dei concetti di resilienza applicati al mondo della protezione civile. Le tavole rotonde si pongono come obiettivo quello di fornire conoscenze utili per l’ approfondimento personale su argomenti ritenuti elementi essenziali dei sistemi resilienti di protezione civile.
• Analisi comparativa. Sulla base delle tematiche trattate nelle tavole rotonde e visti i concetti espressi nei vari interventi, viene presentata un’analisi comparativa di alcuni fenomeni naturali (terremoti) avvenuti recentemente in differenti Nazioni. Scopo di tale analisi: comprendere la diversa capacità di risposta, basate sull’esistenza di differenti livelli di resilienza.

Event website: http://www.sistemaprotezionecivile.it/allegati/1420_programma_conferenza.pdf

Event documents and links



 
 

PLEASE NOTE:CONTENT IS DISPLAYED AS LAST POSTED BY A PREVENTIONWEB COMMUNITY MEMBER OR EDITOR. THE VIEWS EXPRESSED THEREIN ARE NOT NECESSARILY THOSE OF UNISDR PREVENTIONWEB, OR ITS SPONSORS. See our terms of use